Nella cucina del pittore

Pirro Cuniberti “Dalle cronache del mio Orto”_Disegno su carta

Da: “Dalle cronache del mio orto” 1979. Pirro Cuniberti.

Dipingere è facile e divertente come cucinare.

Cominciamo dagli ingredienti: inchiostro di china (nero):  grafite (durezze H eHB); colori (sotto forma di matite colorate, pastelli di cera, acquerelli, tempere); colle (servono per ottenere misteriose trasparenze e tonalità singolari); vernici (servono per incolalre).

Le superfici devono essere piane (per il confort), lisce (penne e pennelli scorrono più veloci e con meno attrito; da ciò risparmio di tempo, di punte e di peli); le superfici, inoltre, devono essere piccole (l’osservatore, com un solo sguardo, da pochi centimetri di distanza, abbraccerà l’opera nella sua totalità, evitando cos’ un’inutile dispersione di energie). Gli strumenti: penne, pennini e pennelli (bisogna averne tanti, ma se ne usano tre); squadre, righe e compassi (fregarsene del parere, anche se autorevole, di Jean- Auguste-Dominique Ingres, nettamente contrario all’impiego di questi mezzi diabolici).

Concepimento dell’opera: pensare al soggetto da realizzare.
Ecco una decina di possibili argomenti di rappresentazione:

– I suoni di una sorgente che sgorga fra i parallelepipedi A e B.

– Dialoghi di bruchi su di una mensola ben progettata.

– Pennellate  e segni inutili (se ne fanno tanti) raccolti in piccoli musei di m 21×29.7.

– I giochi del vento su di un crinale e i suoi rapporti con un palo rosso e un albero solitario.

– Rumori e fatiche di quattro germogli nell’intento di raggiungere la superficie di una terra.

– Festa di un triangolo, grigioverde, di trentacinque centimetri.

– I difficili dialoghi tra due nubi e un aeroporto.

– Bottiglia contenente notevoli tracce di “A”.

– Favola per adulti con caminicannoni, fumanti, che sparano numeri telefonici.

– Merlatura guelfa insidiata da un centinaio di piccole virgole grige, rigorosamente numerate di rosso.

La realizzazione; è la fase più entusiasmante anche la più delicata. Iniziare con esercizi di respirazione (leggere un paio di pagine de Lo Zen e il tiro con l’arco di Eugen Herringel) quindi, rilassati, dare inizio all’esecuzione dell’opera.

Ecco, come esempio, due tecniche d’impiego dei mezzi di espressione:

– Prendere con il pollice e l’indice della mano destra un pastello bianco, ripetere il gesto con la mano sinistra e un pastello nero, quindi sfregarli l’uno con l’altro; fatto questo, colpire, con una certa violenza, la superficie con uno o entrambi i pastelli, mantenendo un angolo d’impatto di 85 gradi (nel corso di questa azione pittorica è doveroso e proficuo rivolgere il pensiero a Ben Nicholson).

– Prendere una matita per la parte opposta a quella che segna e, stringendola lievemente, farla saltellare sul foglio con moto rotatorio oppure guidarla su itinerari prestabiliti con rigore o temerariamente affidati al caso o alla fortuna (in rapporto alla impostazione data al lavoro non sarà male, in questa circostanza, rivolgere il pensiero a Joesph Mallord William Turner o a Isadora Duncan).

Servire a mano senza cornice.

Pirro Cuniberti.

Pirro Cuniberti “Dalle cronache del mio Orto” (copertina)

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in blog, pirro cuniberti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...